Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Copyright 2018 - I luoghi, le tradizioni dell'agro pontino

Libero De Libero

QuadroLibero De Libero e' nato a Fondi (LT) nel 1906, e morto a Patrica(FR) il 2 luglio 1981. E' autore anche di opere narrative: Amore e morte (1951), Camera oscura (1952), Racconti alla finestra (1969), e di saggi di critica d'arte. Nel 1994 è stato pubblicato Borrador, Diario 1933-1955 per la Nuova Eri Edizioni Rai. Ha scritto le sceneggiature dei film Non c’è pace tra gli ulivi e Giorni d’amore diretti da Giuseppe De Santis.Si stabilisce a Roma nel 1927, laureandosi in giurisprudenza.  
Nel 1928 insieme a Luigi Diemoz fonda il quindicinale "Interplanetario" ( vi collaborano Corrado Alvaro, Massimo Bontempelli, Alberto Moravia). Dall’inizio degli anni Trenta collabora a "Belvedere" e a "L'Italia Letteraria" come critico d’arte.La sua prima attività poetica si colloca nell'ambito dell'ermetismo . La prima raccolta, Solstizio, è pubblicata da Ungaretti sulle pagine di "Novissima" al tre raccolte sono: Proverbi (1937), Testa (1938), Eclisse (1940).

De Libero
Dal 1935 al '38 egli dirige la Galleria della Cometa .
Con Enrico Falqui cura, dal 1940 al '42, l'almanacco di "Beltempo" per le Edizioni della Cometa (che fonda e dirige), nelle cui collane appaiono tra l'altro libri di Bontempelli (Introduzione all'Apocalisse), Savinio (Tragedia dell'infanzia), Beccaria (Adamo).
Dopo la guerra ha pubblicato: Il libro del forestiero (1945), Ascolta la Ciociaria (1953), Di brace in brace (1971), Scempio e lusinga (1972), Circostanze (1976).
Altre opere importanti sono i saggi Mafai (1949); I volti di Masaccio(1956); Maccari(1976), è di vasto respiro. Ricordiamo qui soprattutto i numerosi e sparsi contributi volti a chiarire aspetti e problemi del tempo della scuola romana, di cui è fra i protagonisti in campo letterario, a contatto con i maggiori avvenimenti artistici del tempo. Un interessante libro di memorie, dal titolo Roma 1935, appare nel 1981.

La città di Fondi non si è dimenticata del suo figlio: ha voluto dedicare l'istituto tecnico commerciale e è sorta una apposita associazione culturale che muove i suoi passi nel mond della cultura e della poesia, pubblicando attività di studio della poetica di Libero de Libero, oltre al premio di poesia che ha un largo seguito tra gli appassionati.

f t g m
© 2008 - 2018 Turismo Pontino