Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Copyright 2018 - I luoghi, le tradizioni dell'agro pontino

Le lenticchie di Ventotene

Lenticchie VentoteneLe lenticchie di Ventotene sono tra le più rinomate lenticchie in Italia insieme a quelle di Castelluccio. I ventotenesi le coltivivavano fin dall'Ottocento, sfidando venti e scarsità d’acqua. Vengono seminate da dicembre a marzo e raccolte a giugno, per poi essere scognate (battute) e ventuliate (lanciate in aria per eliminarne le impurità).

La lenticchia di Ventotene presenta piccole dimensioni (da 1 a 2,5 mm) e colore marrone chiaro con leggere venature rosate.Seminate da dicembre a marzo, a seconda che il terreno sia sabbioso o argilloso, vengono raccolte a giugno, sempre prima del sorgere del sole. Vengono poi messe a seccare al sole per essere battute sulle aie con attrezzi primordiali come il "veville", prima del tipico lancio in aria per ripulirle dalla pula.È impensabile venire a trascorrere le proprie vacanze sull’isola e non assaggiare neanche una volta un piatto a base di lenticchie locali. Immancabile nei menù di ristorantini e trattorie tipiche, la lenticchia di Ventotene saprà farsi apprezzare non solo dai buongustai, ma anche da coloro che amano i sapori e gli odori di una cucina antica, tradizionale, che reca in sé i tratti inequivocabili di una cultura contadina che si tramanda di generazione in generazione da secoli.
Nel mese di agosto questi deliziosi legumi, particolarmente indicati per le zuppe perché reggono bene la cottura e non tendono a sfaldarsi, vengono poi celebrati durante la caratteristica lenticchiata, che si svolge in piazza Castello.

Ventotene

f t g m
© 2008 - 2018 Turismo Pontino