Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Copyright 2019 - I luoghi, le tradizioni dell'agro pontino

Eredità ingombranti

Dopo l'indimenticabile incontro con Roberto Saviano nel mese di luglio a Formia, Libri sulla Cresta dell'onda fa tappa a Gaeta martedì 27 agosto alle ore 21,15 sul sagrato della Chiesa dell'Annunziata, dove sono attesi altri due grandi protagonIsti dell'ultima stagione letteraria: Francesco Piccolo e Antonio Scurati.
Il titolo della serata è Eredità ingombranti: quelle della Storia (nel romanzo di Antonio Scurati),  e quelle di un'educazione maschilista (tema principale del libro di Francesco Piccolo). Questi  volumi sono stati al centro di accesi dibattiti  e offrono notevoli spunti di riflessione.

Libri sulla cresta dell'onda


Antonio CuratiAntonio Scurati
Scrittore  e docente universitario è autore di numerosi libri. Con il suo ultimo lavoro pubblicato da Bompiani, M. Il figlio del secolo, il primo romanzo su Mussolini, ha vinto il Premio Strega 2019 ed è da settimane ai vertici delle classifiche letterarie. Il libro è in corso di traduzione in oltre 30 Paesi e diventerà una serie televisiva.

Nato a Napoli nel 1969, Antonio Scurati è docente di Letterature contemporanee presso la IULM di Milano, dove dirige il Master in Arti del Racconto.
Per anni ha coordinato il Gruppo di Ricerca sui Linguaggi della Guerra e della Violenza dell'Università di Bergamo. Editorialista de La Stampa e autore di numerosi saggi, ha esordito nel 2002 con Il rumore sordo della battaglia (premio Kihlgren, premio Fregene, premio Chianciano). Nel 2005, con Il sopravvissuto, ha vinto la XLIII edizione del premio Campiello e nel 2008, con Una storia romantica, il Mondello. Nel 2015, con Il tempo migliore della nostra vita, vince sia il premio Viareggio che, di nuovo, il premio Selezione Campiello.
La sua vasta produzione è tradotta circa in 30 paesi.
Con il suo ultimo lavoro pubblicato da Bompiani, M. Il figlio del secolo, il primo romanzo su Mussolini, ha vinto il Premio Strega 2019 ed è da settimane ai vertici delle classifiche letterarie. Il libro è in corso di traduzione in oltre 30 Paesi e diventerà una serie televisiva.

Francesco PiccoloFrancesco Piccolo

Nato a Caserta nel 1964, è autore di romanzi e raccolte di racconti tra i quali: Momenti di trascurabile felicità, Il desiderio di essere come tutti (Premio Strega 2014) e il recentissimo L'animale che mi porto dentro. Il talento di Francesco Piccolo si esprime anche nella scrittura per la televisione e il cinema. Ha firmato sceneggiature per registi del calibro di Placido, Soldini, Moretti, Archibugi, Virzì, Lucchetti e Bellocchio vincendo David di Donatello, Nastri d'Argento e Ciak d'oro. Ha sceneggiato la serie televisiva L'amica geniale, tratta dall'omonimo best seller di Elena Ferrante. Collabora con Il Corriere della Sera.

 Il suo nuovo libro è L' animale che mi porto dentro, Einaudi.

In questo romanzo, serio, divertente, spietato, Francesco Piccolo racconta, come solo lui sa fare, la vita di molti attraverso una sola.
La formazione di un maschio contemporaneo, specifico e qualsiasi, il tentativo fallimentare, comico e drammatico, di sfuggire alla legge del branco e, nello stesso tempo, la resa alla sua forza.
La lotta indecidibile e vitale tra l'uomo che si vorrebbe essere e l'animale che ci si porta dentro. Perché esiste un codice maschile e quasi tutte le sue voci sono difficili da ripetere in pubblico, eppure non c'è verso di metterle a tacere.
In un mondo da sempre governato dai maschi, capirli è la chiave per guardare più in là. Per questo il racconto si nutre di tutto ciò che incontra - Sandokan e Malizia, i brufoli e il sesso, l'amore e il matrimonio, l'egoismo e la tenerezza - in un andamento vivissimo ma riflessivo, a tratti persino saggistico, che ci interroga e ci risponde, fino a ridisegnare il nostro sguardo.
Interverrà Antonio Franchini, tra i più importanti editor italiani, fautore di numerosissimi successi librari degli ultimi anni.


Aprirà la serata un omaggio musicale del sassofonista jazz Maurizio Camardi Maurizio Camardi

Talentuoso jazzista italiano, suona vari sassofoni e flauti etnici. Si occupa della direzione artistica di importanti rassegne di musica, letteratura e teatro.Insieme al musicologo Roberto Favaro ha fondato nel 1985 la Scuola di Musica George Gershwin" di Padova di cui è direttore. Ha collaborato con numerosi artisti tra i quali Paolo Fresu, Stefano Battaglia, Enrico Rava, Ricky Gianco, Cooper Terry e suonato in tutto il mondo. Dal 2000 si occupa di musiche per il teatro collaborando con gli autori Massimo Carlotto, Carlo Lucarelli, Gian Antonio Stella, Jeffery Deaver e con gli attori Ivano Marescotti, Ottavia Piccolo, Moni Ovadia, Bebo Storti, Lella Costa, Pamela Villoresi, Alessandro Haber.

In caso di pioggia l'incontro si terrà all'interno della Chiesa dell'Annunziata.
L'Ingresso è libero.

f t g m
© 2008 - 2019 Turismo Pontino