Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Copyright 2019 - I luoghi, le tradizioni dell'agro pontino

Live Quizás Acoustic Band a La Torre Rossa

La Torre Rossa. Quizas Acoustic Band live 10 agosto 2019.
QuizasIn un luogo suggestivo e naturale si inserisce il prossimo evento della Quizas Acoustic Band.
Il 10 agosto, notte di San Lorenzo, il quintetto fondano sarà ospite dell'azienda La Torre Rossa,  inserita nel Parco Regionale dei Monti Aurunci e la Riviera di Ulisse lungo la costa fra Sperlonga e Gaeta, sulla strada provinciale Itri-Sperlonga.
La Torre Rossa, risalente ai secoli XIII-XIV, era tutt’uno con un “palmento”, dove si producevano vino e olio. Al centro di un ampio locale ruotava una macina di pietra per ottenere la pasta di olive. La torre quadrangolare, resa visibile col suo colore rosso, costituiva il presidio al prezioso prodotto. In un vano aperto al laboratorio da ampio arco si scopre il lato sacro della struttura, dove rimangono le tracce dell'affresco di Santo Stefano, una figura con impressa aureola raggiata.
In una economia che coniugava agricoltura e artigianato al commercio marittimo, la Torre Rossa partecipava all’esportazione di olive e olio via mare. Proprio alla base della torre, infatti, sono presenti graffiti dei navigli nonché lo stemma “inquartato” di Gaeta da cui partivano le navi. Con l’invasione napoleonica vi fu il sovvertimento di secolari istituzioni e l’epopea dell’itrano Michele Pezza, il famoso brigante Frà Diavolo di parte borbonica. Da qui l’edificio ridotto ad ovile, la “Mandra di S. Stefano” riportata nelle mappe di metà Ottocento.

Attualmente la Torre Rossa vi offre la possibilità di rivivere la natura e la storia di una terra millenaria, tra miti, leggende e sapori tipici della tradizione. In suggestivi alloggi immersi in un ambiente salubre e tranquillo, potrete ritrovare le emozioni e la sapienza di un vivere a dimensione umana. Il sito offre un percorso ideale attraverso la cultura contadina in diretto rapporto alle valenze naturali e storiche del territorio del Lazio meridionale. L'attento restauro dell'edificio, con impiego di materiali naturali e soluzioni tipiche del luogo, ha consentito il rispetto dell'integrità delle testimonianze dell'originale destinazione e il loro risalto nella caratterizzazione di ciascun ambiente; inoltre gli arredi e i mobili antichi diffondono il gusto di un'elegante sobrietà campestre e l'atmosfera di altri tempi.
Non minore attenzione è stata rivolta alle componenti naturali, dove all'olivo e alla quercia da sughero sono state integrate le essenze arboree, le specie arbustive caratteristiche della macchia mediterranea e quelle fruttifere degli orti, oltre a tante piante aromatiche officinali, tutte autoctone.
In questo ambiente ricco di storia e di cultura si inserisce il sound popular della Quizas Acoustic Band.
Il repertorio della Quizas attinge alle sonorità del Sud Italia, con una particolare predilezione per autori e interpreti che in chiave moderna e contemporanea hanno saputo mantenere un legame culturale e sonoro con le tematiche sociali di queste terre: Pino Daniele; Eugenio Bennato, Carosone, De Sio. A questi si aggiungono brani tratti dal repertorio cantautorale di De Gregori, De André, Paolo Conte, Fossati. Il repertorio sconfina oltre oceano per raggiungere il centro e sud america, solo per fare qualche titolo: La ragazza di Ipanema, Samba de uma no so, Mas que nada, Quizas Quizas Quizas (da cui trae origine il nome della band). Infine la band riscopre e ripropone alcuni successi dello swing italiano che ha caratterizzato gli anni quaranta - sessanta del secolo scorso che sono divenuti dei successi internazionali.
Il quintetto è composto da: Antonietta Capriccio (voce), Ilenia De Meo (violino), Luigi Teseo (chitarra), Sandro Sposito (chitarra), Michele Catena (percussioni).
Musica, storia, cultura e le proposte gastronomiche della Torre Rossa al focolare sono gli ingredienti di una notte di San Lorenzo che si preannuncia davvero speciale.
Torre Rossa
Si consiglia la prenotazione ai seguenti numeri: 3297005093 - 3663544715

Info:
La Torre Rossa
Strada provinciale Itri-Sperlonga Km 4,600 Loc. S.Stefano
Tel: 0771-729107
Cel: 3663544715
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


f t g m
© 2008 - 2019 Turismo Pontino