Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Copyright 2019 - I luoghi, le tradizioni dell'agro pontino

Sara Lika - Palazzo Caetani ed altro

Sara Lika - Palazzo Caetani ed altro

La ricostruzione della camera da letto dei reali. Oltre al letto (più piccolo di un letto “moderno”), sulla cui sommità è ben visibile lo stemma degli aragonesi, la stanza era caratterizzata da una sorta di angolo per la preghiera (visibile sulla destra) con un mobiletto in legno dove riporre i testi sacri ed inginocchiarsi a pregare con davanti la rappresentazione di una figura biblica (in questo una tela raffigurante la Madonna).

Interno camera da letto

L’ingresso al chiostro di San Domenico. All’interno del sito sorge una piccola area verde con al centro un albero d’arance, attorno alla quale si sviluppa l’edificio. Nonostante l’origine della struttura non sia a noi nota (le prime fonti storiche risalgono solo al 1200), possiamo affermare con certezza che l’attuale auditorium del comune di Fondi è stato uno dei primi esempi di ospedale pubblico della storia. In tempi antichi, infatti era gestito dall’ordine monastico dei “cavalieri di San Giovanni” (da qui il nome “ospedale San Giovanni di Dio”), i quali si occupavano di accudire e curare i malati.

Ingresso San Domenico

Il santuario della Madonna del colle alla sommità della scalinata della pace. I visitatori del luogo, dopo aver percorso la scalinata dalla piazza del paese fino al santuario, ammirando i numerosi mosaici presenti sugli scalini, avranno modo di visitare il santuario, caratterizzato dalla presenza, oltre che del bellissimo affresco sul soffitto, anche di altri elementi artistici.

La chiesa di Santa Maria Maggiore è una delle chiese della città di Lenola e quella in cui attualmente si celebrano le funzioni religiose. La chiesa presenta una struttura “a croce latina”, caratterizzata da tre navate (tipiche delle basiliche romane). Altri elementi caratteristici della chiesa sono l’altare, risalente al 1632 e successivamente restaurato, oltre che la presenza di numerosi elementi artistici quali affreschi, statue e bassorilievi.

Da non perdere

f t g m
© 2008 - 2019 Turismo Pontino