Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Copyright 2019 - I luoghi, le tradizioni dell'agro pontino

Alternanza Scuola Lavoro

La Sughereta San Vito, situata in una frazione di Monte San Biagio è caratterizzata da boschi, aree incontaminate e piante secolari, nei cui pressi è presente una cascata con il medesimo nome. 

Proprio la cascata, che risulta essere uno dei luoghi più belli e suggestivi del sito, fa da cornice a molti eventi organizzati dalla comunità di M .S. Biagio.

Sughereta San Vito

La sughereta è assortita da querce da sughero (Quercus suber) che vegetano sul fondo della valle e, nelle aree dove la luce riesce a filtrare fra le chiome di queste querce sempreverdi, si sviluppa un ricco sottobosco.
Sulle pendici delle montagne, la sughereta è formata da boschi di leccio e, nelle aree più asciutte ed assolate, dalla macchia mediterranea.
Una piccola curiosità: le querce da sughero prendono circa l’80% del nutrimento attraverso il processo di fotosintesi clorofilliana, ‘respirazione’ attraverso cui gli alberi traggono gli elementi essenziali per la crescita. Il restante 20% di sali minerali e vitamine viene preso dalle radici che si trovano nel sottosuolo, processo facilitato dalla presenza di batteri che aiutano l’albero.
Inoltre il bosco ospita una ricca comunità di animali. In primavera ed estate è più facile incontrarli rispetto all’inverno perché escono dai rifugi. Numerose sono anche le specie di uccelli , come il passero o il picchio, che vivono nella valle tutto l’anno.

-Elisa Quinto 3BT, Gruppo A -

 

Da non perdere

f t g m
© 2008 - 2019 Turismo Pontino